CONSULTING D. LGS. 231/2001

pdf iconD. LGS. 231/2001

pdf iconPresentazione Consulting D. LGS. 231/2001 

(Nota su slide n. 32: Corte di Cassazione, sentenza n. 4677, V sezione, in accoglimento del ricorso della Procura generale, annulla con rinvio la sentenza di proscioglimento della Corte di Appello di Milano del giugno 2012). 

 

RIFLESSIONI INTERPRETATIVE

Il decreto legislativo 231/2001, così come l'81/2008, rende facoltativa l'adozione dei Modelli organizzativi finalizzati a sollevare l'Ente da responsabilità amministrativa / penale.

Tuttavia, detta facoltà pare attenuata sino al limite di trasformarsi in una obbligatorietà di fatto, alla luce della lettura congiunta dell'art. 2392 Codice Civile (Responsabilità verso la società) che al primo comma recita: "Gli amministratori devono adempiere i doveri ad essi imposti dalla legge e dallo statuto con la diligenza richiesta dalla natura dell'incarico e dalle loro specifiche competenze. Essi sono solidalmente responsabili verso la società dei danni derivanti dell'inosservanza di tali doveri, a meno che si tratti di attribuzioni proprie del comitato esecutivo o di funzioni in concreto attribuito ad uno o più amministratori".

Ad oggi sono diverse le sentenze che seguono tale orientamento.

 

 

 

 

 


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy facendo click sul pulsante "DETTAGLI"